Videogames e intelligenza artificiale

Oggi ci sono molte diverse applicazioni dell’intelligenza artificiale. E’ utilizzata nei simulatori robotici, nei software bancari, nelle telecomunicazioni e persino nei giocattoli. Tuttavia, una parte dello sviluppo del software che è ancora più utilizzato dall’intelligenza artificiale e dalle sue applicazioni è il campo dei videogames.

I videogiochi sono diventati cambiati e avanzati negli ultimi venti anni. In primo luogo, sono stati migliorati gli elementi grafici visivi, seguiti da sviluppo multipiattaforma, sistemi di gestione alternativi, simulazioni più credibili ecc. Oggi, a casa tua, ad esempio, puoi giocare a VR Casino (Virtual Reality Casino) e vari giochi sportivi online. L’intelligenza artificiale viene utilizzata in varie forme per rendere tutti questi giochi sullo schermo più belli e più convincenti.

Influenza dell’intelligenza artificiale nel settore dei videogiochi

Non molto tempo fa, nessun videogioco era avanzato molto più da Pong per quanto riguarda l’intelligenza artificiale. Scarsi miglioramenti sono stati riconosciuti nei giochi marziali come “Kung Foo” di Nintendo o Segin “Mortal Kombat”. Questo è stato realizzato con semplici tabelle da cui il computer legge l’azione migliore in relazione alla mossa del giocatore. Nei casi più complicati, il computer applicherebbe una ricerca minima per determinare l’azione migliore. Tuttavia, la mini ricerca avrebbe dovuto essere molto veloce perché i risultati erano necessari in tempo reale. Giocare in tempo reale era sempre rappresentato un grave ostacolo per l’intelligenza artificiale.

L’intelligenza artificiale ha imparato a giocare ai videogiochi

Nel 2016, lo sviluppo della nuova routine AI è agli inizi. AI imiterà un giocatore umano trattando solo ciò che vede. Tuttavia, è successo molto più veloce, migliore e più forte.

In quel tempo, alla Carnegy Mellon University, due studenti stanno sviluppando AI che svolgerà il primo Doom, leggendo solo i pixel resi e questa è la prima intelligenza artificiale che si esibisce nello spazio 3D.  L’unica informazione che AI ha è come appare il livello e dove sono gli oggetti, così come i giocatori imparano quando giocano, mentre tutto il resto viene elaborato mentre è in movimento e basato esclusivamente su ciò che AI “vede”.

Il futuro dei robot intelligenti e dei programmi si avvicina sempre più a noi ogni giorno, e troviamo pionieri dove è previsto, nelle società di videogiochi e per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale (AI).

Alcuni mesi fa, Electronic Arts ha presentato i risultati più recenti della loro divisione per la “Ricerca per divisione di esperienze straordinarie” (SEED). Si basa su uno speciale “Agente”, cioè un’intelligenza artificiale che ha imparato da zero a giocare a Battlefield 1, osservando gli altri giocatori per quasi un anno e imparando costantemente sull’errore umano.

L’obiettivo di questo progetto è quello di sviluppare una delle intelligenze artificiali di questo tipo un giorno, che sarà in grado di adattarsi completamente all’interno del gioco e verrà utilizzato per esempio personaggi NPC, ma anche per normali avversari in una partita di allenamento multiplayer.

A proposito di questo molto interessante progetto, su come stava procedendo l’intero processo e molto altro, puoi leggere sul sito di EA, dove il responsabile del progetto, Magnus Nordin, ha rilasciato un’intervista molto interessante per avvicinarci meglio a questa idea a noi e anche alle “persone ordinarie”.

Ricordiamo, quasi due anni fa Al aveva già imparato a giocare a un altro gioco, il DOOM originale degli anni ’90. Ma questa è la prima volta che questa prova era realizzata con un moderno e complesso gioco moderno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *