Il piano strategico contro la violenza sulle donne in Italia

La violenza contro le donne non riceve sufficiente attenzione nella maggior parte dei paesi europei. Invece, è ignorato e spesso non si parla di esso, mentre l’abuso contro le donne esiste e si evolve sul suolo europeo. Nonostante un elevato livello di occupazione e la parità tra donne e uomini, l’UE deve fare di più quando si tratta di questo problema.

L’Italia introduce nuove sanzioni contro la violenza contro le donne

Alcuni anni fa, la legge prevedeva l’arresto obbligatorio di persone che stavano inseguendo o abusando fisicamente delle vittime. Quando viene presentato una denuncia contro il sospettato, non può più essere ritirato e viene avviata un’indagine di polizia. È stato deciso che uomini o partner violenti saranno sfrattati dalla casa di famiglia, e le mogli saranno regolarmente informate dello status legale degli aggressori – comprese le informazioni quando gli aggressori se sono posti dietro le sbarre, vengono rilasciati.

A quel tempo, la presidente della Camera Laura Boldrini ha cercato l’introduzione di una legge sulla difesa delle donne contro gli attacchi violenti motivati dalla misoginia dopo aver ricevuto centinaia di minacce online, comprese le immagini con la testa sui corpi delle donne violentate.

A giugno, l’Italia è diventata il quinto membro del Consiglio d’Europa, che ha ratificato la Carta di Istanbul contro la violenza contro le donne adottata nel 2011.

Le soluzioni di quest’anno per la lotta contro la violenza

Roma – Il governo italiano ha proposto misure urgenti questo mese per combattere la violenza contro le donne dopo una serie di incidenti, compreso il caso in cui un giovane uomo, per gelosia, ha bruciato vivo la sua fidanzata.

Il primo ministro Enrico Letta ha dichiarato ai giornalisti di essere “molto orgoglioso” di nuove misure che prevedono “condanne più severe” e una maggiore protezione per le donne. Queste decisioni devono essere approvate da entrambe le camere del parlamento per essere adottate come un legge.

“Non abbiamo solo inviato un messaggio, abbiamo apportato cambiamenti radicali”, dichiarò Letta.

Secondo le nuove misure, quando una donna dichiara un attacco, non deve più cercare il rifiuto del caso, che prima era spesso il caso per la paura della vendetta sulle vittime abusate. Inoltre, le vittime (donne), saranno regolarmente informate sullo sviluppo della situazione riguardo al loro caso, ad esempio, quando la punizione del loro aggressore scade o quando viene rilasciato dalla prigione.

I casi di violenza contro le donne avranno priorità nel sistema giudiziario italiano, noto per la lentezza, e alle vittime sarà garantita una difesa legale indipendentemente dal loro reddito. Le misure prevedono un aumento delle attuali sanzioni per la violenza contro le donne di un terzo se il caso si svolge in presenza di un minore, se la vittima è incinta o se il colpevole è un marito, un ex marito o un fidanzato. Se la vittima è un immigrato clandestino, avrà diritto a un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Non ci sono statistiche ufficiali sul numero di donne uccise in Italia, ma la campagna contro la violenza femminile “Telefono Rosa” ha detto che 124 donne sono state uccise l’anno scorso. La maggior parte degli assassini erano partner attuali o precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *